Dolore_articolare_miofasciale

Dolore articolare

Come aiutare le ossa a manterersi in salute? Quando si cammina si esercita una pressione sulle articolazioni, si spreme fuori dalla cartilagine  il liquido ricco di sostanze nutrienti che contiene. Quando poi la pressione viene allentata, questo liquido ritorna nella cartilagine, nutrendola e mantenendola umida.

Questo movimento continuo di entrata e uscita è importantissimo per la salute della cartilagine, che in assenza di esso diventa sottile, secca e si danneggia più facilmente.

Oltre a mantenere in funzione la “spugna” della cartilagine,gli esercizi adatti consolidano la struttura attorno all’articolazione, contribuendo a ridurre la pressione alla quale viene sottoposta.

L’esercizio fisico è anche una meravigliosa medicina per l’artosi in atto, perché mantiene il flusso del liquido nutriente nella giuntura colpita e riduce la pressione causata su di essa rinforzando le strutture di supporto.

Un esercizio adatto può spesso far diminuire il dolore e aumentare la mobilità. Ad esempio per molte persone è adatto il cammino, che per essere abbastanza salutare per le ossa, deve essere eseguito mezzo’ora al giorno o almeno 45 minuti 3 volte alla settimana, a passo svelto. Io coniglierei di superare i 60 minuti almeno 2 volte alla settimana e di sentire che il fisico fa fatica.

Tuttavia alcune persone il cammino non è, in un certo periodo della loro vita, l’esercizio fisico adatto perchè con questo tipo di carico sentono aggravare i loro disturbi agli arti inferiori o alla colonna vertebrale. In questo caso bisogna trovare il programma terapeutico che porta questa persona ad una situazione di libertà di movimento senza dolore. questo programma terapeutico può prevedere esercizi specifici, terapie biostimolanti antifiammatorie (tecar, laser, ultrasuono, magnetoterapia), terapia manuale. La scelta dipende dalla valutazione funzionale che consiste in un colloquio iniziale con la  tua descrizione del disturbo:

  • quando è iniziato,
  • come si comporta,
  • quando fa male dov’è il dolore
  • dove irradia,
  • quali sono le posture abituali

Dalla descrizione di questi parametri il fisioterapista ottiene le informazioni fondamentali per capire in quale direzione orientare il proprio trattamento. Il fisioterapista osserverà la postura, il movimento degli arti e della colonna vertenrale, e con le mani andrà a sollecitare delle zone per verificare la dolorabilità e la mobilità. A questo punto della valutazione si può capire se è necessario indagare con degli esami o delle visite più approfondite e verrà fatta una proposta di trattamento fisioterapico.

Tutti i fisioterapisti che lavorano presso Fisios sono laureati in Fisioterapia presso la facoltà di Medicina dell’Università e hanno successivamente conseguito Master Universitari in Terapia Manuale Ortopedica e Titoli di Specializzazione nelle migliori scuole Nord Europee e Australiane. Vedi la sessione chi siamo.

Contattaci per avere una valutazione, la fisioterapia per togliere il dolore e sapere quali sono gli esercizi adatti alla tua situazione articolare.

Dolore articolare e miofasciale:

  • Artrosi,
  • osteoporosi,
  • periartrite,
  • capsulite,
  • coxite,
  • dolore articolare acuto,
  • tendinite,
  • trigger point,
  • fibromialgia,
  • dolore muscolare e mio tendineo